Esercito

Esercito Italiano

Esercito Italiano

Se vuoi far parte della grande famiglia dell’Esercito Italiano devi solo scegliere.

Scuole Militari

Se la passione per la vita militare è così forte che vorresti subito le stellette, anche se a tutti sembrerà così presto per una scelta così impegnativa, se la scuola che frequenti non ti da quello che speravi, le Scuole Militari possono offrirti una formazione culturale e militare di alto profilo.​

Lingua straniera, Informatica, corsi di karate, judo, nuoto, scherma, equitazione ed inoltre atletica, pallacanestro, pallavolo, pallamano, vela, sci, roccia, difesa personale, lezioni di tiro, istruzione formale e sanitaria, normativa e regolamenti ed un campo estivo di tre settimane.

Le Scuole Militari ti offrono due​ differenti percorsi di studio: liceo classico, liceo scientifico​. Ti aspettano tre anni intensi, che fanno la differenza: studio, addestramento militare, tanto sport. È anche previsto un corso intensivo di inglese, con stage estivo in Inghilterra.
I Licei Militari mettono a disposizione degli allievi laboratori scientifici, biblioteche, aule di informatica, aule multimediali di lingue, palestre, saloni da ballo e diverse sale per il tempo libero.

 

Accademia

Se vuoi proseguire gli studi verso traguardi d’eccellenza, la tua strada è diventare un Ufficiale dell’Esercito Italiano.

L’Accademia ti offre una Laurea in Scienze Strategiche, in Ingegneria, Medicina e Chirurgia, con il livello di qualificazione più elevato nel mondo del lavoro. Avrai l’indipendenza economica immediata e potrai praticare sport d’élite quali scherma, equitazione, paracadutismo, approfondirai l’uso del computer e lo studio della lingua inglese.

Marescialli

Il candidato ideale per diventare un futuro Sottufficiale dell’Esercito è un/a giovane di età compresa tra i 18 e i 28 di età (a seconda delle particolari condizioni previste dal bando di concorso), motivato ad entrare nell’organizzazione militare perché interessato a costruirsi un percorso professionale gratificante in un’organizzazione di cui condivide i principi. E’ disponibile a spendersi con un notevole impegno, pur di raggiungere l’obiettivo, avendo inoltre la possibilità di conseguire una laurea di 1° livello.

Militari di truppa

Il Volontario in Ferma Prefissata (VFP) di 1 o 4 anni rappresenta il completamento della professionalizzazione della Forza Armata. L’accesso alle carriere iniziali nelle Forze Armate parte da questo ruolo.

La selezione avviene presso il Centro di Selezione più vicino alla residenza del candidato. Successivamente alla fase di selezione i giovani vengono avviati ai Reparti di addestramento dislocati su tutta Italia. Al termine della fase di addestramento viene assegnato l’incarico, che, a seconda delle attitudini può riguardare l’area logistica o l’area operativa, presso il reparto di destinazione. Qui i soldati acquisiscono, tra l’altro, la capacità di operare con i moderni mezzi tecnologici impiegati dall’Esercito del ventunesimo secolo.

Al termine della ferma nell’Esercito ai soldati Volontari in Ferma Prefissata di un anno si aprono interessanti scenari di impiego: la possibilità di proseguire, per esempio, la propria crescita professionale nell’Esercito e nelle altre Forze Armate. Oppure di accedere ai concorsi nel Corpo Militare della Croce Rossa Italiana, nella Polizia di Stato, nei Carabinieri, nella Guardia di Finanza, nella Polizia Penitenziaria e nel Corpo nazionale dei Vigili del fuoco.

Dai un'occhiata al percorso di preparazione...